<


pagina principale

“Sei la segretaria della Mia Misericordia:
ti ho scelta per questo incarico
in questa vita e in quella futura. Voglio così,
nonostante tutte le opposizioni che ti faranno;
sappi che non cambierò ciò che
è di Mio gradimento ” (Diario, 1605).


SANTA SUOR FAUSTINA KOWALSKA
BIOGRAFIA (1905-1938)


Glogowiec – luogo di nascita di suor Faustina

Suor Faustina nella famiglia (1935)


Santa suor Maria Faustina Kowalska, l’apostola della Divina Misericordia nota in tutto il mondo, è annoverata fra i grandi mistici della Chiesa. Nacque il 25 agosto 1905 in Polonia, a Glogowiec (voivodato di Łódź), terza di dieci figli, da una povera e devota famiglia di contadini. Al battesimo, nella chiesa parrocchiale di Swinice Warckie, le fu dato il nome di Elena. Fin dall’infanzia si distinse per la devozione, per l’amore alla preghiera, per la laboriosità, per l’obbedienza e per una grande sensibilità verso la povertà umana. Nonostante il fatto che frequentò la scuola per appena tre anni scarsi, nel Diario descrisse dettagliatamente ciò che voleva dire con un linguaggio molto chiaro, senza ambiguità, e con una grande semplicità e precisione.

Nel “Diario” scrisse sulle sue esperienze dell’infanzia:

“Fin dall’età di sette anni avvertii la suprema chiamata di Dio, la grazia della vocazione alla vita religiosa. A sette anni intesi per la prima volta la voce di Dio nella mia anima, cioè la chiamata ad una vita più perfetta, ma non sempre ubbidii alla voce della grazia. Non incontrai nessuno che mi chiarisse queste cose” (Diario, 7).

A sedici anni lasciò la casa paterna per guadagnarsi da vivere ed aiutare i genitori lavorando come domestica ad Aleksandrów e Lodz. In quel periodo il desiderio di entrare in convento maturò in lei gradualmente. Visto che i genitori non le diedero il consenso, la piccola Elena cercò di soffocare in sé questa chiamata di Dio.

Passati gli anni, nel suo “Diario” ha confessato:

“Una volta ero andata ad un ballo con una delle mie sorelle. Quando tutti si divertivano moltissimo, l’anima mia cominciò a provare intimi tormenti. Al momento in cui cominciai a ballare, scorsi improvvisamente Gesù accanto a me, Gesù flagellato, spogliato delle vesti, tutto coperto di ferite, che mi disse queste parole: “Quanto tempo ancora ti dovrò sopportare? Fino a quando mi ingannerai?”. All’istante si spense l’allegro suono della musica; scomparve dalla mia vista la compagnia in cui mi trovavo. Rimanemmo soli Gesù e io. Mi sedetti accanto alla mia cara sorella, facendo passare per un mal di testa quanto era accaduto dentro di me. Poco dopo abbandonai la compagnia e mia sorella senza farmi notare e andai nella cattedrale di S. Stanislao Kostka. Era quasi buio. Nella cattedrale c’erano poche persone. Senza badare affatto a quanto accadeva intorno, mi prostrai, le braccia stese, davanti al SS.mo Sacramento e chiesi al Signore che si degnasse di farmi conoscere ciò che dovevo fare. Udii allora queste parole: “Parti immediatamente per Varsavia; là entrerai in convento”. Mi alzai dalla preghiera, andai a casa e sbrigai le cose indispensabili. Come potei, misi al corrente mia sorella di quello che era avvenuto nella mia anima, le chiesi di salutare i genitori e così, con un solo vestito, senza nient’altro, arrivai a Varsavia” (Diario, 9).

Là bussò alle porte di varie congregazioni religiose, cercando un posto per sé, ma non fu accolta da nessuna parte. Il 1 agosto 1925 si presentò alla Congregazione della Beata Vergine Maria della Misericordia nella casa di via Zytnia a Varsavia e lì fu accolta. Prima, per avere tutti i requisiti necessari, dovette guadagnarsi la dote lavorando come domestica presso una famiglia numerosa nei pressi di Varsavia.

Sulle impressioni che aveva entrando in Convento, scrisse nel “Diario”:

“Mi sentivo infinitamente felice; mi pareva di essere entrata nella vita del paradiso. Dal mio cuore erompeva, unica, la preghiera della gratitudine” (Diario, 17).


Il Parco Veneziano – il luogo del ballo
La Cattedrale di San Stanislao Kostka
a Lodz, Polonia

In questo posto il Signore Gesù chiamò suor Faustina alla vita religiosa.


La Casa generalizia della Congregazione della Beata Vergine Maria della Misericordia
dove entrò suor Faustina. Varsavia, Polonia, via Zytnia 3/9


Nella Congregazione ricevette il nome di suor Maria Faustina. Trascorse il tempo del noviziato a Cracovia e lì, alla presenza del vescovo S. Rospond, pronunziò i primi voti, e dopo cinque anni i voti perpetui: castità, povertà e obbedienza. Lavorò in diverse case della Congregazione, più a lungo a Cracovia (Polonia), a Plock (Polonia) e a Vilna (Vilnius, Lituania), svolgendo i compiti di cuoca, giardiniera e portinaia. Nulla all’esterno rivelava la sua vita mistica così eccezionalmente ricca. Svolgeva i suoi compiti con ardore, osservava con fedeltà tutte le regole della vita religiosa, viveva in raccoglimento e silenzio, e allo stesso tempo era spontanea, serena, piena di cordiale e disinteressata carità verso gli altri. Lo stile di vita austero e i digiuni estenuanti che si era imposta ancora prima di entrare in convento, esaurirono il suo organismo così che si dovette mandarla a curare già nel postulato.

Dopo il primo anno di noviziato arrivarono le dolorose esperienze mistiche della cosiddetta notte oscura e poi le sofferenze spirituali e morali legate alla realizzazione della missione che aveva ricevuto dal Signore Gesù. Suor Faustina offrì la propria vita in sacrificio a Dio per i peccatori, per salvare le loro anime, e per tale motivo patì varie sofferenze.

Negli ultimi anni della sua vita aumentarono i disturbi fisici: si sviluppò la tubercolosi che invase i polmoni e l’apparato digerente. Per questo motivo venne ricoverata due volte, per alcuni mesi, in ospedale a Cracovia (nel quartiere di Prądnik).

Del tutto distrutta nel fisico, ma pienamente matura nello spirito, unita misticamente a Dio, morì in fama di santità il 5 ottobre 1938 a Cracovia (Łagiewniki), all’età di appena 33 anni, di cui 13 di vita religiosa (Dalle note del “Diario” di santa suor Faustina).

Casa della Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia,
Plock (Polonia), p.zza Stary Rynek 14/18, in cui il Signore Gesù apparve a suor Faustina
e le ordinò di dipingere l’immagine di Gesù Misericordioso,
come anche espresse il desiderio di istituire la Festa della Divina Misericordia.


Casa della Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia
dove negli anni 1933-1936 abitava suor Faustina.
In questo luogo il Signore Gesù le dettò la coroncina alla Divina Misericordia. Vilnius, via Grybo 29


Convento della Congregazione della Beata Vergine Maria della Misericordia.
Cracovia-Lagiewniki, Polonia, via di Santa Faustina 3.
Il posto dove riposano le spoglie mortali di suor Faustina.
Qui il Signore Gesù espresse il desiderio che fosse venerata l’ora della Sua morte
– l’Ora della Misericordia.




VATICANO, Piazza San Pietro. Solenne canonizzazione di suor Faustina Kowalska.
Fot. REUTERS, Photographer VINCENZO PINTO


Le 30 avril 2000 le pape Jean Paul II a proclamé soeur Faustine sainte et il a constitué la Fête de la Miséricorde Divine pour toute l’Eglise.

 

 

<< Ritorno all’indice
www.faustina-messaggio.com

torna su

 

 

Diritti d’autore riservati: © redazione del testo – Urszula Grzegorczyk
Consultazione – suor Maria Kalinowska, Congregazione delle Suore di Gesù Misericordioso.
Copia con il nome completo della fonte di origine
© Traduzione: Wanda Kapica. Correzione: Urszula Buczkowska-Marchetti