pagina principale

“Certamente, tutto proviene da Gesù Misericordioso,
ma ogni grazia viene a noi attraverso Maria”.

“È stata lei a mettere nella nostra bocca le parole:
GESÙ CONFIDO IN TE, e ha respinto
il momento della terribile ed eterna punizione”.
(Don Michele Sopoćko)


L’ICONA DELLA MADRE DI DIO MISERICORDIOSO




L’immagine della Madonna della Porta dell’Aurora (Ausros Vartos in Lituano, Ostra Brama in Polacco) fu dipinta a Vilnius, probabilmente negli anni 1620-1630. Nonostante le numerose indagini, l’identità del pittore rimane ignota. Il quadro è dipinto ad olio su una tavola di rovere coperta da un sottile strato di gesso.
La doppia corona e la veste realizzate in argento e dorate esternamente furono aggiunti all’immagine tra il XVII ed il XVIII secolo. Un elemento caratteristico del quadro è l’ex-voto a forma di una grande mezzaluna posta nel 1849 nella parte inferiore dell’immagine. Le pareti della cappella, dove è collocata l’Icona della Vergine Maria Madre di Misericordia, sono rivestite di argento e da ex-voto selezionati. Tra gli ex-voto che ricoprono le pareti vi sono anche le offerte votive inviate dal Papa Giovanni Paolo II. Si stima che il numero di ex-voto esposti qui dai fedeli, in segno di gratitudine per la grazia ricevuta, sia di circa 8000.


La Cappella della Porta dell’Aurora, con Icona della Madre di Misericoria


In questa cappella, per intercessione della Madre di Dio, numerose generazioni degli abitanti di Vilnius implorano grazie, in particolare per loro stessi e per i propri cari.
Molte copie dell’Icona della Vergine Maria Madre di Misericordia si trovano in varie chiese di altri paesi, tra l’altro nella basilica romana di San Pietro e Paolo, nella cui cappella è collocata una copia di questa immagine.

Nel 1773 Papa Clemente XVI concesse l’indulgenza per la Confraternita della Beata Vergine Maria in Vilnius.

Con decreto papale del 1927, il quadro della Madonna di Porta dell’Aurora ricevette la denominazione di Icona della Vergine Maria Madre di Misericordia, e fu cinta con le corone papali. La coronazione solenne ebbe il massimo rango, di festa della Chiesa e dello Stato – le corone d’oro furono apposte dal nunzio apostolico. (Le corone scomparvero durante la seconda guerra mondiale).



Grazie all’intervento della Provvidenza Divina, la prima immagine di Gesù Misericordioso fu pubblicamente venerata per la prima volta (proprio) accanto all’Icona della Vergine Maria Madre di Misericordia, nel 1935. Durante la seconda guerra mondiale l’Icona della Vergine Maria Madre di Misericordia rimase presso la Porta dell’Aurora, tra i suoi fedeli a Vilnius, per decisione dell’Arcivescovo Metropolita Jalbrzykowski. Finita la guerra, quando Vilnius apparteneva all’Unione Sovietica e in tutta la Lituania la maggior parte delle chiese erano chiuse, la cappella di Porta dell’Aurora rimase aperta.



MADRE DI MISERICORDIA SORGENTE DI AFFIDAMENTO
(Don Michele Sopoćko)

“Maria è per noi Madre di Misericordia, e ha incominciato a elargire tale Misericordia sin dal Calvario. Da allora, ogni grazia viene agli uomini per mezzo di Maria. Lei ha rafforzato gli Apostoli nel loro lavoro. Lei ha impetrato l’ispirazione agli evangelisti. E quando è stata assunta in cielo, ancor di più si prende cura di noi e impetra per noi la Misericordia di Dio.
Forse abbiamo commesso tanti errori nella vita, forse qualcuno è caduto in peccato – Maria ha ottenuto per lui la grazia della conversione. Quante volte è successo, rimane un segreto noto solo a Dio, ma se è accaduto spesso, siamo diventati oggetto di premure particolari da parte di nostra Madre della Misericordia. È stata lei a mettere nella nostra bocca le parole: GESÙ CONFIDO IN TE, e ha respinto il momento della terribile ed eterna punizione.

Certamente, tutto proviene da Gesù Misericordioso, ma ogni grazia viene a noi attraverso Maria. (…) Lo provano numerosi luoghi miracolosi nei quali, per intercessione della Vergine Maria, la gente sperimenta la guarigione da malattie, la consolazione nel dolore, la speranza nella disperazione. Non era un caso che l’immagine del Salvatore Misericordioso, famoso in tutto il mondo per la venerazione e le grazie, fu esposta per la prima volta ai piedi della Madre della Misericordia (28.IV.1935r . La Domenica in Albis), e Lei, in un certo senso, lo aveva approvato e raccomandato. Pertanto stringiamo ancora di più i legami che ci uniscono alla Madre della Misericordia e affidiamoci a Lei, senza limiti”.



Giovanni Paolo II inginocchiato davanti all’immagine di Maria Madre della Misericordia,
nel santuario di Porta dell'Aurora (Auros Vartu - Vilnius, Lituania),
durante il viaggio nei Paesi baltici (4-10 settembre 1993).



Porta dell'Aurora
Interno della cappella, grafica degli anni '60 del XIX sec.


Cappella del Santuario di Porta dell'Aurora.
Cartina degli anni'30 del XX sec.
 

Cappella del Santuario di Porta dell'Aurora.
Cartina degli anni'30 del XX sec.

 

 

<< pagina principale
www.faustina-messaggio.com

torna su

 

 

I diritti d’autore sono riservati. © La Congregazione delle Suore di Gesù Misericordioso
Copiare il testo completo citandone la fonte ed il link attivo al sito
www.faustyna.eu